lunedì 25 ottobre 2010

Preghiera all'Angelo custode

Santo Angelo,
che contempli con amore il volto del Padre,
poiché la sua bontà ti ha affidato
la cura dell’anima mia,
soccorrila sempre con la sua grazia,
illuminala nelle tenebre, consolala nelle pene,
visitala nella solitudine,
difendila nella tentazione,
governala per tutta la sua vita.
Ti supplico di pregare con me;
e se le mie preghiere sono fredde o distratte,
accendile con il tuo fuoco d’amore
e portale in offerta al trono di Dio.
Fa’ che l’anima mia sia umile nella prosperità
e coraggiosa nell’avversità;
che si animi del fervore della fede,
della gioia e della speranza;
che aspiri sempre più
all’adorazione della divina Trinità,
assieme a te e in compagnia
di tutti i santi Angeli,
in quell’ineffabile gloria
che Ella possiede per l’eternità. 

Amen.

J.H.S. Mann
(XIX° secolo)
Haynes Fine Art, Bindery Galleries

sabato 23 ottobre 2010

Colloque de la Visitation à Paris

Cette année l'Ordre de la Visitation Sainte Marie, fondé par saint François de Sales et sainte Jeanne de Chantal célèbre ses 400 ans.
À cette occasion les moniales des deux monastères de la Visitation à Paris vous invitent à prendre part au Colloque qui se tiendra à Paris le samedi 13 et le dimanche 14 novembre 2010.


Vitrail du monastère de la Visitation de Denfert-Rocherau (Paris)


La spiritualité du cœur

Programme :

Samedi 13 novembre 2010 à la Maison de la Conférence des Évêques de France – 58 av. de Breteuil, 75007 Paris – sous la présidence de Monseigneur Éric de Moulins-Beaufort, évêque auxiliaire de Paris.
Dimanche 14 novembre 2010 au Collège des Bernardins – 40 rue de Poissy, 75005 Paris – sous la présidence de Monseigneur Jérôme Beau, évêque auxiliaire de Paris.
18 h 30 Messe à Notre-Dame de Paris présidée par S.E. le Cardinal André Vingt-Trois en présence des reliques des Saints Fondateurs.

Priorité aux personnes inscrites, entrée libre, prendre ou télécharger-imprimer bulletin et dépliant.
téléphone : 01 42 22 48 08 de 8 h à 14 h 30
site : www.visitationparis.catholique.fr

Photographies du Colloque:

Les supérieures des deux monastères parisiens (Denfert-Rochereau et Paris-Vaugirard)




Chapelle de la Maison de la Conférence des Eveques de France


Reliques de saint François de Sales
Reliques de sainte Jeanne de Chantal

venerdì 22 ottobre 2010

La preghiera è luce per l’anima

Dalle «Omelie» di san Giovanni Crisostomo, 
vescovo e dottore della Chiesa

(Omelia 6 sulla preghiera: PG 64, 462-466)


Giovanni, nato ad Antiochia (probabilmente nel 349), dopo i primi anni trascorsi nel deserto, fu ordinato sacerdote dal vescovo Fabiano e ne diventò collaboratore. Grande predicatore, nel 398 fu chiamato a succedere al patriarca Nettario sulla cattedra di Costantinopoli. L’attività di Giovanni fu apprezzata e discussa: evangelizzazione delle campagne, creazione di ospedali, processioni anti-ariane sotto la protezione della polizia imperiale, sermoni di fuoco con cui fustigava vizi e tiepidezze, severi richiami ai monaci indolenti e agli ecclesiastici troppo sensibili alla ricchezza. Deposto illegalmente da un gruppo di vescovi capeggiati da Teofilo di Alessandria, ed esiliato, venne richiamato quasi subito dall'imperatore Arcadio. Ma due mesi dopo Giovanni era di nuovo esiliato, prima in Armenia, poi sulle rive del Mar Nero. Qui il 14 settembre 407, Giovanni morì. Dal sepolcro di Comana, il figlio di Arcadio, Teodosio il Giovane, fece trasferire i resti mortali del santo a Costantinopoli, dove giunsero la notte del 27 gennaio 438 (Avvenire).
_____________________________________

La preghiera, o dialogo con Dio, è un bene sommo. È, infatti, una comunione intima con Dio. Come gli occhi del corpo vedendo la luce ne sono rischiarati, così anche l'anima che è tesa verso Dio viene illuminata dalla luce ineffabile della preghiera. Deve essere, però, una preghiera non fatta per abitudine, ma che proceda dal cuore. Non deve essere circoscritta a determinati tempi od ore, ma fiorire continuamente, notte e giorno.
Non bisogna infatti innalzare il nostro animo a Dio solamente quando attendiamo con tutto lo spirito alla preghiera. Occorre che, anche quando siamo occupati in altre faccende, sia nella cura verso i poveri, sia nelle altre attività, impreziosite magari dalla generosità verso il prossimo, abbiamo il desiderio e il ricordo di Dio, perché, insaporito dall'amore divino, come da sale, tutto diventi cibo gustosissimo al Signore dell’universo. Possiamo godere continuamente di questo vantaggio, anzi per tutta la vita, se a questo tipo di preghiera dedichiamo il più possibile del nostro tempo.
La preghiera è luce dell’anima, vera conoscenza di Dio, mediatrice tra Dio e l’uomo. L’anima, elevata per mezzo suo in alto fino al cielo, abbraccia il Signore con amplessi ineffabili. Come il bambino, che piangendo grida alla madre, l'anima cerca ardentemente il latte divino, brama che i propri desideri vengano esauditi e riceve doni superiori ad ogni essere visibile.
La preghiera funge da augusta messaggera dinanzi a Dio, e nel medesimo tempo rende felice l’anima perché appaga le sue aspirazioni. Parlo, però, della preghiera autentica e non delle sole parole.
Essa è un desiderare Dio, un amore ineffabile che non proviene dagli uomini, ma è prodotto dalla grazia divina. Di essa l’Apostolo dice: «Non sappiamo pregare come si conviene, ma lo Spirito stesso intercede per noi con gemiti inesprimibili»(cfr. Rm 8, 26b). Se il Signore dà a qualcuno tale modo di pregare, è una ricchezza da valorizzare, è un cibo celeste che sazia l'anima; chi l’ha gustato si accende di desiderio celeste per il Signore, come di un fuoco ardentissimo che infiamma la sua anima.
Abbellisci la tua casa di modestia e umiltà mediante la pratica della preghiera. Rendi splendida la tua abitazione con la luce della giustizia; orna le sue pareti con le opere buone come di una patina di oro puro e al posto dei muri e delle pietre preziose colloca la fede e la soprannaturale magnanimità, ponendo sopra ogni cosa, in alto sul fastigio, la preghiera a decoro di tutto il complesso. Così prepari per il Signore una degna dimora, così lo accogli in splendida reggia. Egli ti concederà di trasformare la tua anima in tempio della sua presenza.

mercoledì 20 ottobre 2010

AVE MARIA


video


Chant de la Communauté de l'Emmanuel,
CD : "À la Gloire du Père" (2009)

Saint François de Sales - Son combat contre le démon

Cet ouvrage dévoile le ministère de délivrance souvent méconnu, que Saint François de Sales, évêque de Genève, exerça comme exorciste.

Le livre

• L’auteur nous introduit dans le combat spirituel de François de Sales. Ce dernier, fin connaisseur du coeur de l’homme et maître de vie spirituelle, enseigna l’art de résister à l’ennemi et de déjouer ses ruses, tout en conservant la joie et la paix.
• Saint François « démédiévalise » le diable : dans sa vie et dans ses écrits on ne trouve pas trace de sensationnalisme, d’exagération ou d’exaltation.
• Une spiritualité équilibrée et discernée, centrée sur l’amour de Dieu.

Saint François de Sales, exorciste

François de Sales (1567-1622), évêque de Genève, est connu pour son zèle comme prédicateur, défenseur de la doctrine catholique et fondateur de l’Ordre de la Visitation. Cependant on est loin de s’imaginer les luttes acharnées qu’il mena contre le malin. Beaucoup ignorent, en effet, que le saint évêque de Genève fut aussi un exorciste éclairé par une vaste connaissance des phénomènes naturels et surnaturels.




Paru aux Editions de l'Emmanuel

Les anges existent !

Les anges ne sont ni mythiques, ni imaginaires et n’appartiennent pas au monde des rêves ou des fables. Au contraire, ils sont partie prenante de l’action de Dieu dans le monde et dans l’histoire de chaque homme. Bien réels, ils nous assistent constamment, si nous n’oublions pas de les invoquer dans la prière. Sous forme de questions réponses, ce livre est attractif et simple : il nous aide donc à mieux comprendre la présence et l’action des esprits célestes. Dans une époque troublée telle que la nôtre, il est bien nécessaire de savoir discerner entre les bons et les mauvais anges, pour éviter erreurs et pièges. À la fin de l’ouvrage, des prières et des textes aident le lecteur à fortifier sa foi et son espérance. Que le monde angélique nous apporte un peu de la joie du Ciel sur la terre!

« Une Eglise qui ne ferait pas l’expérience spirituelle des anges,
ne serait pas l’Église de Dieu »

Cardinal Etchegaray




paru aux Editions Salvator

Fioretti de saint François de Sales


François de Sales est un saint pour notre temps. Sa spiritualité profondément évangélique parle au cœur de l’homme contemporain et nous fait découvrir combien Dieu a du coeur et est amoureux de notre humanité : « Dieu est le Dieu du cœur humain ».
Le père Gilles Jeanguenin nous offre un joli bouquet, savamment agencé, d’une variété de Fioretti cueillies dans la vie et l’oeuvre de saint François de Sales. Butinant de fleur en fleur, vous serez touché par l’humanité, la simplicité, l’humour, la sagesse et la force spirituelle de ce saint évêque qui a articulé de façon si heureuse l’humanisme de la Renaissance, l’avènement des Temps modernes et le renouveau du concile de Trente. Le parfum de ce bouquet exhale la beauté de la création, la grandeur de l’homme et l’humanité de notre Dieu.
Chez François de Sales, tout était bonté, douceur, patience, tant et si bien qu’auprès de lui, chacun, et tout particulièrement l’humble et le petit, se savait reconnu, prenait conscience de sa dignité et éprouvait le sentiment de renaître.
Ces petites anecdotes, fort bien choisies, vous dévoileront la richesse de la personnalité de cet homme hors du commun. Elles susciteront sûrement quelques connivences et vous serez surpris d’entrer en familiarité, voire en amitié, avec ce saint, dont quatre siècles nous séparent mais qui nous est si proche. Vous verrez alors naître en vous le désir de mieux connaître ce maître spirituel qui a tant à nous apprendre aujourd’hui.
Quelle image donner de la vie de saint François ? N’est-elle pas « un parterre tout semé de fleurs très agréables à la vue et d’odeur très salutaire à ceux qui veulent les odorer »? Ne craignez pas de butiner au coeur de ce bouquet pour en faire ce miel dont la douceur sera toute salésienne :
« Tout par amour ».

† Mgr Yves BOIVINEAU,
évêque d'Annecy,
24 janvier 2009.


aux Presses de la Renaissance

martedì 19 ottobre 2010

Le superstizioni meritano un sorriso

Frasi celebri

«La superstizione porta sfortuna» (Umberto Eco).
«I gobbi portano fortuna e le gobbe disgrazia» (proverbio)
«La superstizione mette il mondo intero in fiamme, la filosofia le spegne» (Voltaire).
«Nessuno è più superstizioso degli scettici» (Trostky).
«Essere superstiziosi è da ignoranti, ma non esserlo porta male» (Eduardo De Filippo). 
«Ai gatti neri porta sfortuna essere attraversati da un'auto» (Giordano Bruno).


Superstizioni giapponesi

L’Italia è da sempre un popolo molto superstizioso, però, il Giappone non lo è di meno; anzi!

Esempi di cose che bisogna fare o non fare onde evitare guai:

- Evitare il numero 4. La pronuncia di questo numero in giapponese è la stessa della parola morte (shi).
- Evitare anche il numero 9 (ku). La sua pronuncia è la medesima della parola “sofferenza”. Per questo la stanza numero 9 o 4 di solito non si trova negli ospedali.
Nemmeno il pettine si può regalare perché si chiama kushi, quindi il massimo della sfortuna.
- Piantare le bacchette (hashi) dentro il riso o qualsiasi altro piatto. Questo fa riferimento diretto al rito funerario buddista. Quando un morto viene cremato, i suoi resti vengono messi, con l’ausilio degli hashi dentro l’urna funeraria che verrà consegnata a uno dei membri della famiglia.
- Dormire con la testa a nord è sconsigliato perché anche i morti li si interrano con la testa a nord.
- Quando si vede un carro funebre, si mettono le mani a pugno, in modo da nascondere i pollici.
- Lo Yakudoshi corrisponde al vostro anno sfortunato. Si determina in base alla vostra eta. Per gli uomini corrisponde al loro 25esimo, 42 e 61esimo compleanno. Per le donne il 19esimo 33esimo e 37esimo compleanno. In quegli anni quindi le persone stanno molto attente, vanno spesso al tempio a pregare, e comprano degli amuleti anti sfortuna.
- Se fischiate la notte attirate i serpenti (o i lupi).
- I gatti neri hanno la nostra stessa reputazione.
- Se la mattina trovate un ragno, non lo ammazzate mai, anche se piccolo, perché i ragni portano molta fortuna.
- Se andate all’ospedale in Giappone, e regalate dei fiori fate attenzione che non abbiano le radici, perché queste possono significare un lungo soggiorno all’ospedale.
- Quando torni a casa da un funerale, prima di entrare a casa, devi mettere un po’ di sale sopra, per non chiamare gli spiriti dei morti dentro casa.
- Quando compri un paio di scarpe nuove, prima di metterle, girale tre volte, così ci porteranno in bei posti.
- Non dovete mai buttare le bambole perché si dice che in esse possano abitare degli spiriti. Certe persone le portano quindi nei templi.
- Il giorno della morte di Buddha, è consigliato non fare nessun viaggio o attivita’ perche’ potrebbe essere rischioso.
- Non tagliare le unghie la sera tardi perché rischi di non poter vedere il giorno della morte dei tuoi genitori.
- Se starnutisci 1 volta, qualcuno sta parlando bene di te. Se 2 volte, vuol dire invece che qualcuno sta parlando male di te. Se 3 o piu’ volte è un normale raffreddore.
- Se mentre bevi un te, per caso un rametto cade dentro nella tazza, se rimane in piedi, si dice che questo porti fortuna.
- Quando togli un dente, quelli di sopra mettili sotto la casa, mentre quelli di sotto, lanciali sul tetto. Così ti cresceranno buoni denti.
- Se i pescegatti diventano nervosi si dice che arrivi un terremoto.
- Se hai un lobo dell’orecchio molto grande, avrai un sacco di soldi.
- Prima del 3 marzo (la festa della donna), le figlie della famiglia incominciano a tirar fuori tutte le bambole Hina che hanno. Dopo il 3 Marzo vanno subito ritirate. Perché se non lo fai ti sposerai molto molto dopo.
- Se dopo mangiato subito ti sdrai per terra, si dice che diventi una mucca, il che non è bello! 
- Quando si sente un tuono, devi nascondere l’ombelico perché Kaminari-sama (il creatore del tuono), te lo vuole portar via!
- Se vedi una stella cadente, esprimi un desiderio per 3 volte, prima che essa sparisca.  
- Se il primo sogno dell’anno (hatsuyume) è (in ordine di importanza):
1) monte Fuji
2) falco
3) melanzana
in giapponese “ichi fuji, ni taka, san nasubi”, portano molta fortuna per tutto l’anno.
- Quando dobbiamo partecipare ad uno spettacolo, oppure prima di colloquio di lavoro o di un esame, siamo estremamente nervosi, basta scrivere sulla propria mano l’ideogramma “Hito” (persona) per 3 volte, e poi bisogna fare il gesto di succhiarlo. Con questo gesto il nervosismo scomparirà…

E il topolino: porta male anche lui? 





Guérir les blessures du coeur avec saint François de Sales


Paru aux Presses de l'Emmanuel


L’auteur revisite les 7 péchés capitaux à l’école de la douceur de saint François de Sales. Il décrit les blessures qu’inflige le péché et donne des moyens pour parvenir à la guérison intérieure.
À l’heure de la recherche effrénée du bien-être physique et psychique, l’homme néglige parfois son besoin de guérison intérieure. Pourtant les blessures de l’âme sont réelles et nombreuses. Comment les guérir ? quelles en sont les causes ? Qui mieux que notre Créateur peut cicatriser ces blessures ?

POINTS FORTS

- Une réflexion structurée à partir des sept péchés capitaux.
- Des outils ajustés d’un fin connaisseur du coeur de l’homme et d’un éminent maître spirituel (saint François de Sales).
- Des exemples directement tirés de la vie de saint François de Sales.
- Des astuces et remèdes concrets pour ne pas retomber.

PUBLIC/OBJECTIF

- Un livre pour tous, nous qui sommes à la recherche de la paix intérieure.
Ce livre permet de :
- Réveiller, tout doucement, le chrétien qui s’est assoupi.
- Soulager celui qui s’enferme dans son mal-être intérieur.
- Encourager celui qui chemine déjà dans les voies du Seigneur.

L’AUTEUR

Prêtre du Diocèse d’Albenga-Imperia (Italie), le père Gilles Jeanguenin est affilié à l’ordre de la Visitation fondée par saint François de Sales et sainte Jeanne de Chantal. Il s’occupe d’accompagnement spirituel et psychologique ainsi que de la formation liturgique des diacres permanents. Membre de l’Association Internationale des Exorcistes, il est auteur de nombreux livres et publications religieuses.
Il a dernièrement écrit aux Éditions de l’Emmanuel “François de Sales, son combat contre le démon” (2009).

-------------------------------------------

J’ai repéré deux livres très bien écrits par un prêtre passionné. Spécialiste de saint François de Sales, Gilles Jeanguenin nous montre des facettes parfois méconnues de ce grand maître spirituel. Avec Guérir des blessures de l’âme, il signe là une oeuvre accessible et à conseiller coûte que coûte, car nous sommes tous pécheurs et avons tous des blessures restées béantes dont on ne connaît la cause..
 
Thierry Pont, responsable de la
librairie saint Bruno à VOIRON (38)

Preghiera per i sacerdoti



Signore, donaci dei sacerdoti nuovi, 
plasmati su di te.
Sacerdoti adatti al mondo d’oggi,
che resisto no a tutte le mode
e a tutti gli sbandamenti.
Sacerdoti pieni di Spirito Santo,
sacerdoti innamorati di te,
dell’Eucaristia e della tua Parola.
Signore, mandaci sacerdoti che pregano,
sacerdoti che non guardano l’orologio
quando stanno davanti a te,
sacerdoti capaci di pregare di giorno
e di notte.
Sacerdoti che insegnano a pregare.
Sacerdoti appassionati dei giovani,
dei poveri, degli ultimi.
Sacerdoti capaci di tenerezza
e misericordia per tutte le disperazioni
e miserie del mondo d’oggi.
Signore, mandaci sacerdoti allenati al sacrificio,
che sanno parlare ai giovani
del dono di sé,
che vivono la povertà evangelica,
che sanno condivide re tutto quello
che hanno con il povero.
Signore, mandaci sacerdoti aggiornati,
sacerdoti creativi,
dal cuore grande come il Cuore di Cristo,
instancabili nell’insegnare,
nel guidare, nel formare.
Sacerdoti costanti, resistenti,
equilibrati e tenaci.
Signore, mandaci sacerdoti profeti,
forti ed umili,
che non si scandalizzano di alcuna
miseria umana.
Mandaci sacerdoti che si sentano
peccatori come noi,
fedeli e fieri del loro celibato,
preti limpidi che portino il Vangelo
stampato nella loro vita
più che nella loro parola.
Signore, donaci il coraggio
di chiedere sacerdoti santi
e di meritarli un poco almeno
con la preghiera umile, costante
e coraggiosa.
Maria, Madre dei sacerdoti,
Madre della Chiesa,
aggiungi tu quello che manca a questa preghiera
e presentala a Cristo per noi. 

Amen.
-----------------------------
Tratto da "Preghiere per ogni circostanze", Paoline, 2009, pp. 263-265

Caso di possessione n.3


Testimonianza di una religiosa della Visitazione vessata dal demonio

(1622-1623)

Nulla sembrava aver destinato la vittima della vicenda, Claire-Marie Amaury, a queste singolari disavventure. Essa risponde sotto molti aspetti al profilo tipo delle religiose che facevano il loro ingresso nella Visitazione di Parigi in quegli anni. Come la maggioranza delle sue consorelle proviene dalla nobiltà. Suo padre, Jean Amaury, si definisce «funzionario ordinario di guerra».
Nata tra il 1602 e il 1604, entra nella comunità parigina nel 1620, quando vi fa la sua professione, nel 1622, ha dunque tra i 18 e i 20 anni, il che corrisponde all’età media delle professioni alla Visitazione. Fin dalla sua giovinezza, se c’è da credere alla sua biografia, «la giovane Amaury parve non avere altra inclinazione che per la pietà», per molto tempo è «sotto la guida di un devoto ecclesiastico, cappellano di Mons. Camus che aveva in grande venerazione il nostro santo fondatore».
I turbamenti iniziano, come testimonia la stessa Claire Marie «non appena ebbi fatti i miei voti», nel luglio 1622, per durare più di sei mesi. Turbamenti durante i quali «io soffrii cose che mi è impossibile dire né che si possono pensare perché credo che nessuno possa sapere né immaginarsi la forza e la violenza di simili sofferenze se non coloro che le hanno provate» Queste sofferenze si annunciano da principio con alcuni sintomi fisici: in certe occasioni «io sentivo un irrigidimento nel mio corpo» o ancora «qualcosa alla mia gola (come se qualcuno me la stringesse)», ugualmente «persi del tutto l’appetito e il sonno, perché per il poco nutrimento che prendevo ne risentivo forti oppressioni, il che mi impediva di mangiare» in modo che «il mio corpo divenne così estremamente debole che io vacillavo pressappoco ad ogni passo perché quasi non potevo reggermi». Di fronte a questi mali, tuttavia, l’intervento dei medici non serve a nulla. «Io dissi alla nostra madre superiora: tutto ciò non arriva dove è il mio male». In effetti, questo «male» è determinato soprattutto da certi stati interiori e particolarmente da quello di una «grandissima noia, di una malinconia e tristezza così grandi che io non sapevo che fare di me, non potendo in alcun modo distrarmi». Tali stati sfociano infine, in certi momenti, in «una così grande disperazione che io decidevo di uccidermi e a questo scopo prendevo il cordone della nostra croce per strangolarmi», parimenti «non posso dire il numero di volte che mi sono accostata il coltello alla gola e in altri punti per uccidermi». Quanto alle possibili cause del male tutto sembra dunque indicare l’azione del diavolo che provoca un vero “sciopero generale” contro la vocazione religiosa. In questo quadro le manifestazioni fisiche del male prendono tutto il loro significato. Così «l’irrigidimento del mio corpo» si produce «quando ero sul punto di ricevere la santa ostia», ed è «la ripugnanza che avevo per la confessione» che fa sì «che io sentissi qualcosa alla gola che mi impediva di accusarmi, perché quanto a dire bestemmie e farmi beffe di ciò che il confessore mi diceva, io parlavo senza fatica e quando egli mi faceva notare: “la tale cosa voi la pronunciate bene”, io gli rispondevo: “perché sono le mie delizie”». In modo analogo queste ripugnanze si manifestano riguardo a diversi altri gesti di pietà (la religiosa è incapace di fare orazione o di inchinarsi durante l’Ufficio) e in definitiva riguardo a tutti i doveri di religiosa e delle «nostre regole», regole che essa getta «con disprezzo dicendo che io non volevo osservarle». Tutti questi gesti di irriverenza possono essere esposti tanto più liberamente qui dove essi non sembrano altro che indici di tentazioni diaboliche. Non mancano anche testimonianze che giustificano pienamente questa interpretazione. «La notte, durante il sonno, ero agitata da molte grandi allucinazioni, orribili e oscene immaginazioni, ciò mi destava spesso e mi trovavo in tali violente agitazioni e disperazioni che mi è impossibile esprimerlo, e di seguito proferivo bestemmie contro Dio». Claire-Marie Amaury non ci dice di più su questi incubi angoscianti, ma non c’è dubbio che nell’ottica diabolizzante, queste ‘immaginazioni’ sono proprio il nocciolo della questione. I risultati non tardano giungendo all’imitazione di un vero patto con il diavolo «e assicuravo che il mio dio era il diavolo e quando la nostra madre superiora mi faceva fare qualche atto per offrirmi a Dio, dicevo che la mia intenzione era di dire al diavolo ciò che lei voleva che io dicessi a Dio. E così, avendo questa intenzione, dicevo senza fatica le parole che lei mi faceva dire». Del resto è questo che, secondo altre religiose, causa ugualmente le sue tentazioni di suicidio: «per essere piuttosto nell’inferno dove avrebbe avuto la consolazione che desiderava, che era di maledire Dio eternamente perché era questa la sua delizia». Infine non mancano neppure le manifestazioni di una ‘chiaroveggenza’ dovuta all’influenza del diavolo e che, in questo processo di canonizzazione, testimoniano naturalmente a favore del personaggio venerato. Così la religiosa si accorge immediatamente che quella «fascia in cui vi era un foglio» e che un giorno si volle «legare al mio braccio» contiene «delle Reliquie di santo, ciò che mi causò grande ripugnanza» (reliquie che naturalmente si rivelano provenire dal corpo di Francesco di Sales). E già quando giunse la notizia della morte del Vescovo di Ginevra «io concepii una così potente e forte avversione contro di lui che fui subito sicura che egli fosse beato in cielo e lodava e avrebbe lodato eternamente Dio». Queste ultime avversioni sono tuttavia annunciatrici della soluzione del dramma. In effetti, fino a quel momento i medici non erano stati i soli a dare prova di inefficacia. Lo stesso era accaduto anche a tutta una serie di consiglieri ecclesiastici chiamati in scena, tra cui il vescovo di Langres, il cardinal de Bérulle e Jean Pierre Camus, come pure «diversi altri religiosi molto stimati e sperimentati riguardo alle pene e sofferenze interiori». E vero che il principale consiglio di alcuni fra loro, quello cioè di fare ricorso agli esorcismi, non è seguito da Anne Catherine de Beaumont-Cara, superiora della comunità all’epoca, perché pensava che il diavolo non ha veramente preso ‘possesso’ del corpo dell’ossessa, essendo la religiosa sempre obbediente a certi ordini della sua madre spirituale. Ma la superiora si fidò forse anche della chiaroveggenza di Jeanne de Chantal che in una lettera datata novembre-dicembre 1622 annuncia (uno o due mesi prima della liberazione) che «la nostra suor Claire-Marie riceverà delle grandi grazie da Dio se essa ha pazienza e coraggio». In effetti, liberazione della religiosa avviene alla fine di gennaio 1623, dopo che la superiora gli ebbe fatto toccare la reliquia di san Francesco di Sales (il rocchetto del santo) che era deceduto un mese prima (28 dicembre) a Lione.
Claire-Marie Amaury finirà per condurre una carriera decisamente onorevole in seno all’Ordine: nel 1626 parteciperà alla fondazione del secondo convento parigino (via del Sobborgo di S. Giacomo), più tardi a quella della casa di Troyes. Morirà là nel 1651 dopo aver svolto per lunghi anni le funzioni di superiora di questa comunità.
-----------------------------
Fonti: Année sainte des religieuses de la Visitation de Sainte Marie, t. X, octobre, Annecy et Lyon, 1870, p. 224 – AVS (Archivio Segreto Vaticano) fondo Riti, Processus 996, François de Sales, Dicta et Depositiones testium remissionalium parisiens, 1628, pp. 432-442 – Cfr. Burkardt A., Visitation et visitandines aux XVII et XVIII siècles, Pubblications de l’Université de Saint-Etienne, 2001 (Trad. Visitazione di Salò) – Cfr. Coste P., Le grand saint du grand siècle, Monsieur Vincent, Desclée de B., Paris, 1934, t. 1, Cap. VIII, pp. 163-164.


San Michele - Il principe degli Angeli

L’originalità di questo piccolo libro sta nel presentare una trattazione semplice e completa della figura dell’arcangelo Michele sotto l’aspetto biblico, teologico, liturgico e storiografico. Notevole è l’apporto di testi spirituali, a volte poco conosciuti, che appartengono alla ricchezza inestimabile della Chiesa. D’altronde, nel corso dei secoli, la Chiesa d’Oriente come quella d’Occidente hanno dimostrato una continua vene razione nei confronti di questo celeste protettore.
Le preghiere che vengono inoltre qui proposte ci condurranno a una devozione illuminata e spiritualmente feconda.



 Edizioni Jaca Book

Gli Angeli esistono

Chi sono coloro che noi chiamiamo “angeli”: esseri personali e reali; rappresentazioni simboliche delle stesse azioni divine o raffigurazioni di qualche misterioso e inafferrabile bene?.. O non potrebbe trattarsi semplicemente di fiabe ideate per i bambini o per assicurare a ognuno protezione benefica e rassicurante?
L’autore, dopo aver interrogato la Sacra Scrittura, i Padri della Chiesa, Papi, Santi e Maestri di vita spirituale, risponde con convinzione: ‘Sì, gli angeli esistono!’. Non sono personificazioni del bene, né personaggi mitici o fantasiosi: questi spiriti celesti, anzi, sono sempre presenti e partecipano all’opera di salvezza che Dio realizza nella storia di ognuno di noi. Ben reali, non cessano di assisterci e di sostenerci in tutte le lotte che affrontiamo nel quotidiano, purché li invochiamo e li preghiamo!
Sotto forma di domande e risposte, questo libro offre una chiara ed esaustiva testimonianza circa la presenza e l’azione dei nostri celesti protettori. Senza mai cadere nell’ingenuità, in clima di serenità spirituale e di approfondimento della fede, questa pubblicazione aiuterà ognuno a scoprire il mondo invisibile del Cielo, al quale noi già apparteniamo in quanto figli di Dio ed eredi dell’eterno Regno.

«Una Chiesa che non facesse
l’esperienza spirituale degli angeli
non sarebbe la Chiesa di Dio».
(card. Roger Etchegaray)


Edizioni San Paolo


Gesù tentato da satana nel deserto

Dal Vangelo secondo Matteo  4, 1-11


 In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per essere tentato dal diavolo. E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame. Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: 
«Se sei Figlio di Dio, di' che questi sassi diventino pane». 
Ma egli rispose: «Sta scritto: Non di solo pane vivrà l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio».
Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio e gli disse: 
«Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto: Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo, ed essi ti sorreggeranno con le loro mani, perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede». 
Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: Non tentare il Signore Dio tuo».
Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: 
«Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai». 
Ma Gesù gli rispose: «Vattene, Satana! Sta scritto: Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto». 
Allora il diavolo lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano.

Caso di possessione n.1

Tra i diversi casi di possessione demoniaca incontrati personalmente, posso raccontarvi questo.
Alcuni anni fa, io mi ero occupato di un caso di possessione dovuto ad un maleficio contro l’amore. Io vi trascrivo la registrazione che ho conservato.
Appena incominciate le preghiere dell’esorcismo la Signora M. entrò in uno stato di trance, si contorce e si dibatte con una tale violenza che le persone che mi assistevano dovettero immobilizzarla. La sua voce era rauca e non aveva niente di umano. Durante le preghiere del Rituale in latino, notai che la Signora M. comprendeva perfettamente il latino e mi rispondeva sempre a proposito. Uno dei demoni che avevano preso possesso di lei si misero ad urlare per mezzo della sua bocca: “ No, io non te lo dirò…no, io non me ne andrò…ella è mia…io li distruggerò…”
Dopo un’ora di preghiera io ho interrogato il demonio: “Nel nome del Signore io ti ordino di dire la verità: come sei entrato in quel corpo”?
- Mi ci hanno mandato
- Chi ti ha mandato?
- Dei preti
- Di coloro che celebrano le messe sataniche?
- Sì !
- Perché tu sei qui?
- Ella non deve sposarsi con V. …essi non saranno mai più insieme… essi non devono amarsi… io li distruggerò, lei e lui… essi sono miei..
- Quando te ne andrai?
- Presto, ma prima, io li distruggerò, lei e lui.

Invocai allora la potenza del Signore perché la Signora M. fosse liberata da quel maleficio che le impediva di incontrare l’uomo che ella amava. Ma il demonio si mise allora a manifestare tutto il suo odio e la sua rabbia urlando sempre più forte: “No, voi non potete fare questo… L’amore, mai… mai …”.
Ho appreso più tardi il nome della persona gelosa ed invidiosa che, per impedire quel matrimonio, aveva commissionato questo maleficio ad una setta satanica.
Dopo due ore di urla e di convulsioni violente, la Signora M. uscì dallo stato di trance, non si ricordò di niente e ritrovò quasi istantaneamente le sue forze fisiche. Ripartì al volante della sua auto, riposata e serena come se niente fosse accaduto o come se ella avesse beneficiato di una buona notte di sonno.
I miei aiutanti ed io eravamo completamente sfiniti…

Padre Gilles

Alcune domande circa l’esorcismo


● Che cos’è la possessione diabolica?

È la forma più grave di tutte le azioni straordinarie del demonio. Per descrivere questo fenomeno la Sacra Scrittura usa i verbi come: malmenare, possedere, impadronirsi, assalire, ghermire,…1. Queste espressioni ci aiutano a comprendere ciò che è veramente la possessione diabolica: un’intrusione, un’influenza violenta del demonio nel corpo di un essere umano, il quale perde la sua autonomia personale e il suo libero arbitrio. Il demonio cerca di controllare e d’impadronirsi della volontà e delle facoltà psico-fisiche della sua vittima. Il padre Gilbert Gagnon afferma che il demonio può “agire direttamente sui sensi esterni ed interni e in un modo indiretto sull’intelligenza e la volontà , ma Dio solo ha un potere diretto sull’intelligenza e sulla ragione” 2. Anche se l’anima resta libera, il demonio agisce sul corpo del posseduto come se si trattasse del proprio corpo. Dato che Satana non ha corpo materiale, va ad utilizzare gli organi e le membra del posseduto per agire, muoversi, parlare senza che quello lo possa impedire. Balducci spiega che “ l’azione diabolica si estende anche al sistema nervoso e dunque alla funzione della vita vegetativa e sensitiva a tal punto che può causare diverse modificazioni delle funzioni biofisiche al posseduto”3. Sotto l’influenza di spiriti malvagi la persona può dunque dar luogo a manifestazioni sovraumane.

1 Cf.1Sam18, 10; 19, 9; Mt 15, 22-25); 17, 14-15; Mc1, 23; 5, 2; 7; 25; 9, 17; Lc 4, 33; 8, 27; 9, 38-39.
2 Gagnon G., Il combattimento spirituale, in “la liberazione e l’esorcismo” Atto dell’I.A.D.; ed Benedettini 2001.
3 Balducci C., La possessione diabolica, Mediterranee, Roma, 1982, p. 99.


 Parola del Santo Padre :

“Non è escluso che in certi casi lo spirito maligno si spinga anche ad esercitare il suo influsso non solo sulle cose materiali, ma anche sul corpo dell'uomo, per cui si parla di «possessioni diaboliche» (Cf. Mc 5, 2-9). Non è sempre facile discernere ciò che di preternaturale ( ) avviene in questi casi, né la Chiesa accondiscende o asseconda facilmente la tendenza ad attribuire molti fatti a interventi diretti del demonio; ma in linea di principio non si può negare che nella sua volontà di nuocere e di condurre al male, satana possa giungere a questa estrema manifestazione della sua superiorità”.

                     Giovani Paolo II (Udienza Generale, 13 Agosto 1986)
___________________________________________________________

● Quali sono i segni rivelatori di una possessione?

Il Rituale Romano (testo ufficiale della Chiesa romana per le celebrazioni liturgiche) elenca alcuni criteri di discernimento che dovrebbero permetterci di riconoscere se una persona è realmente posseduta dal demonio: “Parlare correntemente lingue sconosciute o comprendere colui che le parla; rivelare cose nascoste o lontane, manifestare forze superiori all’età o alla condizione fisica: una forte avversione per Dio, per santissima persona di Gesù, per la Beata Vergine Maria, i santi, la Chiesa, la Parola di Dio e le realtà sacre, soprattutto i sacramenti e le immagini sacre” 1. È chiaro che questi segni non hanno che un valore indicativo, poiché è raro che li troviamo tutti riuniti nel medesimo caso di possessione. Questi criteri di discernimento, come per esempio la manifestazione di una forza superiore all’età o alla condizione fisica, non sono constatabili fuori dall’esorcismo, ma nel corso di quello. L’esorcista deve anche tener conto delle manifestazioni esterne che possono prodursi durante la crisi di possessione: trance, modificazione totale della personalità, bruschi cambiamenti nell’espressione del viso, alterazione della voce, comportamento che sembra dominato da una personalità estranea. In altri casi, il posseduto conserva tutta la sua coscienza, ma non riesce a dominare quel comportamento che risente come non suo.
Uno dei segni più importanti sul quale si fonda il discernimento di una possessione diabolica è l’avversione caratterizzata che il posseduto dimostra riguardo a tutto ciò che è sacro. È senza dubbio un elemento importante che bisogna prendere in considerazione senza tuttavia escludere che certi malati possono sviluppare “un’avversione fisicamente anormale al sacro” 2. L’esorcista deve valutare con prudenza ogni singolo caso, poiché gli accessi di delirio furioso, l’agitazione disordinata delle membra, le contorsioni del corpo, l’alterazione della voce o gli atti violenti verso altrui non sono esclusivamente legati alla possessione diabolica: essi fanno sovente parte dei sintomi clinici di diverse patologie ben conosciute tale l’isteria, l’epilessia e i disturbi della personalità. Se l’esorcista agisce con la dovuta cautela, egli resta tuttavia vigilante perché al maligno non piace essere scoperto. Egli può anche nascondersi insidiosamente nel corpo di una persona psicologicamente instabile o malata per meglio dissimularsi “dietro” una patologia. In altri casi, ci possiamo trovare davanti a fenomeni misti, dove cioè patologia e influsso malefico sono strettamente intrecciati. La possessione non è un fenomeno paranormale ed ancor meno una malattia mentale, ma piuttosto una realtà che mette in gioco il potere malefico del demonio sul mondo materiale e sull’essere umano e che si cela nel misterioso disegno di Dio.

● Il demonio può possedere più di una persona alla volta?

Il demonio è una creatura spirituale e dunque non è limitata né dallo spazio né dalla materia né dal tempo. In quanto spirito il demonio può essere presente nel corpo di una o più persone alla volta.

● Una persona potrebbe essere posseduta da più demoni?

La Sacra Scrittura e l’esperienza degli esorcisti attestano che abitualmente la persona posseduta è tormentata da parecchi, cioè da una moltitudine di demoni. Il vangelo ci riporta che Gesù liberò Maria Maddalena da sette demoni che erano entrati in lei 3. In un altro brano, Gesù interrogò il demonio:” Qual è il tuo nome?” e il demonio gli rispose: “Legione è il mio nome, poiché siamo in molti”4 .

● Quale potere Satana esercita sulla persona posseduta?

La volontà della persona posseduta si trova paralizzata: il suo comportamento e il suo modo di parlare non sono controllati da essa stessa, ma dallo spirito o dagli piriti maligni che sono in lei. Durante l’esorcismo la persona non è certamente responsabile di ciò che fa o dice. C’è un fatto: il demonio può parlare tramite la bocca dei posseduti.

● Quali sono le cause della possessione diabolica?

La prima è senza dubbio il peccato. La possessione è un segno evidente del potere che satana ha acquisito sull’uomo in seguito al peccato. Gli sbagli, anche i più gravi, non conducono automaticamente alla pos-sessione, ma ogni peccato è una porta aperta all’azione del maligno. Certi peccati particolarmente gravi, come il patto satanico redatto con il proprio sangue, le messe nere, la profanazione dell’Eucaristia o le gravi deviazioni morali possono essere una delle cause à l’origine della possessione. Spesso le maledizioni procurate nell’intenzione di procurare del male o provocare la morte, i malefici e i riti satanici possono essere sufficientemente gravi perché Satana e gli altri spiriti maligni possano prendere possesso di una persona.

● Il demonio può tormentare od impossessarsi anche dei santi?

Parliamo anche di coloro che il p. Chenesseau chiama “i maltrattati (o malmenati) a causa del loro amore del Signore”5. Il demonio non trova che pochi ostacoli da coloro che vivono nel peccato e che rifiutano l’aiuto di Dio, ma quando incontra una santità autentica in un’anima, esso non tarda a sferrarle una lotta senza quartiere. Le anime che perseverano nella via della santità sono odiate da Satana a tal punto che certe tra di esse sono state anche possedute. Questa misteriosa forma di possessione non deve essere considerata come una conseguenza dei loro peccati, ma piuttosto come una prova destinata ad accrescere la loro perfezione spirituale e la loro gloria futura nel cielo. Il Signore sa addolcire le sofferenze che quelle anime sopportano nella fede: egli preserva nella loro intimità uno spazio di pace, inviolabile, nel quale Satana non potrà entrare. I santi vivono dunque questi tormenti atroci in una profonda intimità d’amore con Dio. È il caso della beata Eustochia di Padova, beatificata da Clemente XIII il 22 marzo 1760; e della beata Maria di Gesù crocifisso (1846-1878). Questa carmelitana araba, beatificata nel 1983 da Giovanni Paolo II, fu posseduta per quaranta giorni e rivisse le tentazioni di Gesù nel deserto. Ma Dio trae sempre il bene dal male: questa dura prova doveva confermare la beata in uno stato di perfezione più grande. Suor Maria di Gesù Crocifisso è diventata una grande mistica che fu al tempo stesso la più semplice, la più umile e la più devota di tutte le carmelitane converse.
Diceva Padre Raniero Cantalamessa O.F.M. Cap. in una sua omelia del Venerdì Santo del 2001: “La prova più forte dell’esistenza di Satana non si ha nei peccatori o negli ossessi, ma nei santi. Nella vita dei Santi, infatti, Satana non ha la possibilità di nascondersi ma è costretto a venire allo scoperto, a mettersi “contro luce”; la sia azione si taglia nero su bianco. Chi più chi meno, tutti i santi testimoniano della loro lotta con questa oscura realtà. San Francesco d’Assisi, un giorno, confidò ad un suo compagno: “Se sapessero i frati quante e che gravi tribolazioni mi danno i demoni, non ci sarebbe alcuno di loro che non si muoverebbe a compassione e pietà di me”6.

● Che cos’è l’esorcismo?

Il termine esorcismo viene utilizzato per designare la “cacciata del demonio invocando il nome di Dio” 7. La pratica dell’esorcismo (dal greco exorkizein = supplicare) ha come fondamento la fede nei poteri dati da Gesù ai suoi discepoli contro le potenze del male8. Si può anche dire che Gesù dona l’esorcismo alla sua Chiesa come un’arma efficace per liberare l’uomo da Satana e dalla sua tirannia. L’esorcismo è una preghiera del genere dei “sacramentali”; ossia uno dei segni sacri istituiti dalla Chiesa “per mezzo dei quali a imitazione dei sacramenti, sono significati e, per impetrazione della Chiesa, vendono ottenuti ef-fetti soprattutto spirituali”.9 I sacramentali ottengono la loro efficacia “ex opere operantis Ecclesiæ”, cioè per la preghiera della Chiesa e per la fede dell’esorcista e di colui che si fa esorcizzare. Come abbiamo già detto, l’esorcismo è una preghiera pubblica della Chiesa, la cui pratica è riservata ai preti muniti dall’autorizzazione del vescovo del luogo.

Ci sono due forme di esorcismo:

- Il “piccolo esorcismo” o “esorcismo minore” fa parte dell’Iniziazione cristiana e del Battesimo. Esso significa che tutta la vita cristiana è un combattimento spirituale contro il potere del diavolo: “Per il resto, attingete forza nel Signore e nel vigore della sua potenza. Rivestitevi dell’armatura di Dio per poter resistere alle insidie del diavolo. La nostra battaglia, infatti, non è contro creature di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti” 10.
- Il “grande esorcismo” o “esorcismo solenne” viene celebrato dopo il battesimo e mira piuttosto a “scacciare i demoni o a liberare dall’influenza diabolica per mezzo dell’ autorità che Cristo ha affidato alla sua Chiesa” 11 e non può non essere praticato che da un prete con il permesso del vescovo del luogo 12.

● Che cos’è il Rituale?

Il Rituale Romano è un libro liturgico che contiene le preghiere dell’esorcismo. Dal 1999 esiste un nuovo Rituale in lingua latina intitolato: “De esorcismo et supplicationibus quibusdam”, approvato da Papa Giovanni Paolo II il primo ottobre 1998. L’edizione in lingua italiana intitolata “Rito degli esorcismi e preghiere per circostanze particolari” fu pubblicata dalla Libreria Editrice Vaticana nel 2002.

Il Rituale si compone di due capitoli e di due appendici:
il capitolo I contiene il grande esorcismo (nn. 39-66).
il capitolo II raccoglie testi a scelta: salmi, vangeli e preghiere di esorcismo(nn. 67-84)
l’appendice I contiene delle preghiere e degli esorcismi per delle circostanze particolari (nn. 1-12).
l’appendice II raccoglie preghiere private per i fedeli che devono lottare contro il potere delle tenebre (nn. 1-10) 13.

 ----------------------------------------------

“La Chiesa agisce negli esorcismi non in nome proprio ma unicamente nel nome di Dio o di Cristo Signore, al quale tutti gli esseri, diavolo e demoni compresi, devono obbedire” (Premesse generali, n. 12, p. 23).
“L’esorcismo deve svolgersi in un clima di fede e di preghiera umile e fiduciosa, sì da evitare ogni impressione di efficacia automatica: la liberazione dall’influsso diabolico avviene se quando Dio vuole” (Presentazione, n. 12, p. 13).

Dal Rituale Romano: Rito degli esorcismi e preghiere per circostanze particolari, Libreria ed. Vaticana, Città del Vaticano, 2002.

-----------------------------------------------------------------------

● Chi celebra l’esorcismo?

Può celebrare il rito de l’esorcismo unicamente un sacerdote autorizzato per licenza del vescovo diocesano. I laici o santoni che si spacciano per esorcisti sono ciarlatani!

● Come si celebra il Rito dell’esorcismo?

Si comincia con i “riti d’inizio”: il segno della croce e il saluto, la benedizione del sale e dell’acqua, l’aspersione del posseduto con l’acqua benedetta per ricordare la purificazione ricevuta nel Battesimo.
Seguono le litanie, con le quali, per intercessione di tutti i Santi, si invoca la misericordia di Dio sul fedele tormentato dal Maligno .
Con la lettura di uno o più salmi si implora la protezione di Dio.
La proclamazione del Vangelo è il segno della presenza di Cristo di cui la forza della Parola libera e guarisce.
Con l’imposizione delle mani sulla testa del posseduto, il sacerdote invoca la potenza dello Spirito Santo perché il diavolo esca da lui.
La recita del Credo o il rinnovamento delle promesse battesimali indica che la fede in Dio è già la nostra vittoria sul mondo delle tenebre.
La preghiera del Padre Nostro è un piccolo esorcismo: “Liberaci dal male”.
Il segno della croce e la benedizione del posseduto con la croce ci ricordano che è per mezzo della Croce che Cristo ha salvato il mondo e vinto il potere delle tenebre.
L’insufflazione è il soffio che rappresenta la potenza invisibile dello Spirito Santo che dona vita. 14
Le formule di esorcismo dette “ deprecative” sono delle preghiere che si rivolgono al Signore per chiedere la liberazione della persona.
Le formule “imperative” sono delle ingiunzioni fatte direttamente a Satana perché esso lasci il corpo del posseduto.
Il cantico di azione di grazie manifesta la nostra gratitudine verso Dio per la liberazione ottenuta.
Il rito termina con la benedizione finale. 

● Il rituale prevede esorcismo solo sulla persona?

Il Rituale contiene numerose preghiere di esorcismo per la liberazione dei posseduti. Invece non troviamo nessuna preghiera specifica per esorcizzare le cose ed i luoghi. Ė ammettere che Satana non ha potere su-gli oggetti o sulle case? Certamente no! Il Rituale afferma: “La presenza del diavolo e degli altri demoni si manifesta e si concretizza non solamente nel caso di persone tentate o possedute, ma anche quando le cose e i luoghi diventano in qualche modo oggetto dell’azione diabolica” 15. La Chiesa non può contraddire una pratica così vecchia che consiste nell’esorcizzare i luoghi e le cose. Origene testimonia quell’antico uso affermando che nel nome del Signore si possono scacciare i demoni che infestano le persone, ma anche gli oggetti, le case e gli animali: “Noi siamo così lontani dal servire i demoni che, con le preghiere o con delle formule tratte dalla Sacra Scrittura, noi li scacciamo dalle anime umane, dai luoghi in cui hanno stabilito la loro dimora, qualche volta anche dagli animali: spesso, infatti, i demoni operano certe cose per nuocere a costoro” 16. Il Catechismo della Chiesa cattolica va nello stesso senso e dichiara: “Quando la Chiesa domanda pubblicamente e con autorità, nel nome di Gesù Cristo, che una persona o un oggetto sia protetto contro l’influenza del maligno e sottratto al suo potere, si parla di esorcismo” 17.
_________________________________

1 Cf. Rituale Romano:“Rito degli esorcismi e preghiere per circostanze particolari”, Libreria Ed. Vaticana, Città del Vaticano, 2002, Presentazione generale, n. 16.
2 Cf. Balducci C., op. cit., p. 224.
3 Cf. Lc 8, 2.
4 Mc 5, 9.
5 Chenesseau R., Diario di un prete esorcista, manoscritto, p. 35.
6 Cantalamessa R., Omelia del Venerdì Santo del 2001.
7 Pinto P. V., ed., Commento al Codice di diritto canonico, Urbaniana University Press, Roma 1985, p. 683.
8 Cf. Mt 3,14-15; Lc 9,1.
9 Sacrosanctum Concilium, n. 60, in Enchiridion Vaticanum, vol. I, Bologna, 1968 ss., vol I, n. 109.
10 Ef. 6, 10-12.
11 Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 1673.
12 Codice di diritto canonico, op. cit., can. 1166.
13 Quest’ultima parte, che contiene le preghiere per i fedeli, è stata riprodotta nel nostro libro. Vedi Appendice II.
14 L’efficacia di questi segni come l’imposizione delle mani e l’insufflazione viene testimoniata da Tertulliano nel III sec.: “Al solo contato (delle nostre mani)., al minimo soffio (della nostra bocca) essi (i demoni) escono dal corpo, loro malgrado e dolenti” (Apologia, 23, 16, Corpus Christianorum I, p. 133; PL 1, 475.
15 Rituale Romano “Rito degli esorcismi e preghiere per circostanze particolari”, op. cit., Appendice I,1, p. 89.
16 Cf. Contra Celsum.
17 Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 1673.